Proteggi il tuo udito

L'udito è un bene delicato e risente facilmente degli stress a cui è sottoposto. Il controllo dell'udito è la prima misura di prevenzione.

Proteggiti dal rumore di tutti i giorni:

Il rumore causa danni ormai dimostrati, non solo all'udito ma a tutto l'organismo.

Ascolta la musica ad un volume moderato:

Molte persone si espongono volontariamente a rumori forti, alzando il volume dello stereo o dell'iPod.

Riduci o elimina il consumo di alcool e tabacco:

L'abuso di alcool o tabacco può essere nocivo per l'udito in quanto può danneggiare il delicato meccanismo che regola la trasmissione del suono verso il cervello.

Previeni e cura le otiti con tempestività:

Diverse malattie causate da batteri e da virus possono danneggiare l'udito, è importante rivolgersi tempestivamente dal medico ed iniziare subito la cura più adeguata.

Utilizza i farmaci sotto stretto controllo medico:

E' provato che diversi farmaci hanno come effetto collaterale il danneggiamento delle cellule cigliate dell'orecchio interno; è importante quindi rivolgersi al medico e leggere attentamente il libretto d'istruzione dei farmaci che ci vengono somministrati.

Non utilizzare in profondità i bastoncini di cotone per la pulizia:

L'utilizzo del bastoncino in profondità nel condotto uditivo può provocare infiammazioni o danni al timpano.

Amici e familiari

Se sospettate che qualche persona vicino a voi abbia problemi di udito, potete essere di grande aiuto.

L’ipoacusia influenza anche amici e familiari, poiché la persona audiolesa di vostra conoscenza si lascerà sfuggire molte cose e quindi anche voi potrete provare irritazione, frustrazione o talvolta perfino collera perché non riuscite a comunicare con tale persona.

Che cosa potete fare?

La cosa migliore che possiate fare è aiutare l’amico o il familiare a rendersi conto del suo problema di udito.

Aiutate l’amico o il familiare a rendersi conto del problema

Prima di tutto, suggeritegli di dare un’occhiata a un elenco di sintomi di ipoacusia.

Molto spesso in questo modo gli si accenderà una lampadina di consapevolezza. Meglio ancora, chiedete all’amico o familiare di sottoporsi ad una valutazione dell’udito da parte di un nostro audioprotesista qualificato, e offritevi di accompagnarlo in uno dei nostri centri acustici. Potrete essere d’aiuto perfino fissando voi stessi l’appuntamento per il controllo dell’udito.

La riluttanza non è insolita.

È normale incontrare resistenza quando si solleva la questione dell’ipoacusia. Può essere utile coinvolgere il medico di famiglia o un amico/familiare che già indossi un apparecchio acustico. Entrambi possono contribuire a superare l’insicurezza associata all’ipoacusia e possono offrire i loro consigli su come affrontare il problema.

Le cause dell'ipoacusia

L'udito può essere compromesso da una vasta serie di fattori:

• Età
Secondo le statistiche in Italia più del 30% della popolazione oltre i 65 anni soffre di deficit uditivi più o meno gravi, conseguenti all'avanzare degli anni e che risultano tra i più comuni disturbi della terza età.

• Rumore
Il rumore è la prima causa di invalidità professionale. L'assordante colonna sonora di ogni giorno non è solo fastidiosa: è dannosa. A farne le spese non è solo l'udito, ma il benessere di tutto l'organismo.

• Ereditarietà
Circa un terzo dei deficit uditivi presenti dalla nascita si deve a fattori ereditari. Imputato è un gene: la connessina 26. Se in famiglia ci sono casi di ipoacusia, esistono molte probabilità che questa venga involontariamente trasmessa ai figli (con diversa insorgenza).

• Infezioni
Diverse malattie dovute a batteri e virus (scarlattina, rosolia, meningite, CMV, ecc.) possono danneggiare l'orecchio e provocare perdite di udito più o meno gravi. Anche l'otite, infezione molto frequente soprattutto nell'infanzia, se trascurata può causare forme irreversibili di ipoacusia.

• Otosclerosi
Compromette la mobilità degli ossicini dell'orecchio medio. Le vibrazioni trasmesse all'orecchio interno non hanno più la stessa regolarità e quindi l'efficienza uditiva è ridotta.

• Farmaci, alcool, fumo
E' accertato che alcuni farmaci possono esercitare un'azione nociva sull'organo dell'udito e sono quindi definiti ototossici, cioè tossici per l'udito. Anche l'alcool e il fumo possono provocare danni all'udito.

Se vuoi saperne di più prendi appuntamento presso uno dei Centri Acistici Udire Insieme, il nostro personale qualificato è a tua completa disposizione.

CENTRO ACUSTICO PER LA SORDITA' UDIRE INSIEME | 15, Via Mazzini - 35028 Piove Di Sacco (PD) - Italia | P.I. 04319670289 | Tel. +39 049 9735863   - Tel. +39 049 5840919 | Fax. +39 049 9735863 | udireinsieme@libero.it | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite Easy